Ruderi


Adoro i ruderi: sin da bambina mi hanno sempre affascinato moltissimo e tutt’ora, quando ne vedo uno per strada, mi perdo a guardarlo ed inizia il viaggio della mia fantasia…
Cerco di immaginare la vita che si muoveva dentro quelle mura, le parole, i suoni, i rumori, gli odori… Intravedo i visi delle persone, solcati dal tempo ed imbruniti dalle intense ore di lavoro nei campi…
Cerco di immaginare le loro discussioni, il loro correre su e giù per le mille cose da sbrigare ogni giorno, i giochi dei bambini, le loro risate; avverto le vibrazioni di quelle anime e la presenza della sofferenza che in nessuna casa manca mai…
Oh, quelle pietre!!! Hanno goduto un tempo di una vita propria, hanno racchiuso colori, odori, sapori, sensazioni intime del tempo che fu; hanno assaporato un’esistenza scandita da ritmi diversi, costellata da diversi valori, da lavori ormai persi nei meandri del tempo, da tanti figli da tirare su, dai dolci sguardi delle madri, accompagnati dai sorrisi, mentre guardano beate i loro bimbi appena nati…
I capelli bianchi dei nonni, seduti davanti agli usci a giocare a carte o le mani rugose delle nonne, sempre all’opera, sempre ad impastare e creare, con i semplici ingredienti genuini, meravigliosi manicaretti per gli adorati nipoti…
Le pareti indorate, la sera, dalla flebile e tremolante luce delle candele accese e la ruota del braciere in inverno che raccoglieva tutti lì, tutti insieme, a raccontare storie ed esperienze di vita, con quell’odore tipico della buccia del mandarino messa tra le braci per profumare l’ambiente…
E poi ancora, la scrittura con il succo di limone sul foglio bianco, invisibile, ma che prendeva subito colore e consistenza non appena si avvicinava il foglio al fuoco ed il camino e l’odore di fumo e le pietre nere e tutte le suppellettili, anch’esse recanti una loro storia…
E’ bellissimo fare questi salti nel tempo, anche se la macchina si è allontanata ormai da quel rudere, mentre i miei occhi ed il mio cuore si sono fermati lì, incantati dalle ombre malinconiche di chi non c’è già più…

Angelo


Passi tutto il tuo tempo aspettando
per quella seconda opportunità,
per un’interruzione
che metterebbe tutto a posto.

C’è sempre una ragione
per non sentirsi abbastanza bene
ed è difficile alla fine della giornata.
Io ho bisogno di qualche distrazione,
oh, di una bella liberazione.

I ricordi colano dalle mie vene,
mi permettono di essere vuota
e senza peso e forse
troverò un po’ di pace stasera.

Nelle braccia di un angelo
volare via da qui,
da questa camera di albergo fredda e scura
e dall’infinito che tu temi.
Sei stato estratto dal rottame
della tua fantasticheria silenziosa.
Sei nelle braccia dell’angelo,
possa tu trovare
un po’ di conforto là.

Così stanco della linea diritta
e dovunque ti giri
ci sono avvoltoi e ladri alle tue spalle
ed il temporale continua ad infuriare.
Tu continui a costruire le bugie
che inventi per tutto ciò che ti manca.
Non c’è nessuna differenza,
è l’ultima volta che scappi.

È più facile credere
in questa dolce pazzia,
oh, in questa gloriosa tristezza
che mi fa piegare sulle ginocchia.

Nelle braccia di un angelo
volare via da qui,
da questa camera di albergo fredda e scura
e dall’infinito che tu temi.

Sei stato estratto dal rottame
della tua fantasticheria silenziosa.
Sei nelle braccia dell’angelo,
possa tu trovare
un po’ di conforto qui.

Sei nelle braccia dell’angelo,
possa tu trovare
un po’ di conforto qui.

La ricchezza interiore…

Giro per il web e per i blog amici e trovo proprio questo scritto:
“La ricchezza interiore è esattamente così.
Non si nasconde in superficie, in
attesa di essere raccolta.
Non sfavilla sotto i raggi del sole, in modo da
attirare la vostra attenzione.
La ricchezza interiore scorre in profondità,
nel profondo del vostro essere.
Se guardate all’esterno, non la
troverete;
potete individuarla solo guardando all’interno e rimanendo
determinati.
Scavare nella vostra vita significa cercare le lezioni che
potete apprendere su voi stessi quando siete arrabbiati, tristi o
poveri.
Anche gli eventi più dolorosi ci aiutano a crescere a livello
spirituale.
Se trovate la ricchezza interiore, nessuno può portarvela
via:
vi apparterrà per sempre.”

Beh, non c’è che dire: riassume e sublima perfettamente la mia giornata di oggi ed il mio stato d’animo…
Una perfetta sintesi di ciò che il maestro ha cercato di trasmettermi…
Rimango sempre più sbalordita e senza parole…

Ridere fa bene…


Quest’anno abbiamo deciso di trascorrere il ferragosto a casa della ragazza di mio fratello e ci siamo divisi i compiti circa le cose da preparare, così io ieri mi son messa in cucina e mi sono data da fare, ma in mio aiuto è arrivato il mio Pietro…
Ha detto: “Se vuoi, ti dò una mano io!”… E come dire di no ad una simile offerta????
Di solito quando preparo le cose per i pic-nic o per i pranzi o le cene, “assumo” come aiuto-cuoco mia mamma….
Ieri, addirittura, ho avuto a disposizione ben due aiutanti e, del resto, quando il cuoco ha più stelle, è normale no???? Ihihih….
Che divertimento!!!
E’ stato un pomeriggio meraviglioso…
Abbiamo preparato un sacco di cose: dei rotoli salati, dei rustici, delle palline dolci al cocco e delle praline di cioccolato…
E sono proprio queste ultime che ci hanno regalato una buona dose di risate….
E già, perchè quando avevamo finito, le nostre mani erano tutte “sporche” di meraviglioso cioccolato fondente e, prima di lavarle, Pietro ha avuto la splendida idea di impiastricciarmi tutto il viso… mmmm…. ed io potevo non vendicarmi????
Ovviamente no!!!!!
Così il risultato era più o meno questo:

e, guardandoci allo specchio, non abbiamo potuto fare a meno di ridere a crepapelle!!!!
E’ stato un pomeriggio fantastico, ci siamo divertiti da morire e, anche se alla fine ci sentivamo molto stanchi, eravamo, allo stesso tempo, davvero felici…
E’ proprio vero che ridere fa bene ed io risento di quegli effetti benefici anche oggi….
Buon ferragosto a tutti!!!!

20.000


Su segnalazione della mia superattentissima amica Annamaria Burrasca, ho deciso di festeggiare le 20000 visite ricevute dal mio piccolo blog…
E’ un bel traguardo ed era giusto dedicargli un angolino… 🙂
Ringrazio infinitamente tutte le persone che, giorno dopo giorno, passano di qui, lasciando una piccola traccia di sè, tenendomi compagnia, regalandomi sorrisi, standomi vicini anche e soprattutto nei momenti difficili…
Grazie immensamente a tutti voi, miei cari blog-amici: non vi nomino uno per uno, ma siete tutti nel mio cuore…
Vi voglio bene… ♥

Dov’è il trucco?


Dai, su, dimmelo, dimmelo, ti prego: “Dov’è il trucco?”
E’ vero che domenica scorsa sono arrivata con delle domande ben precise, è vero che mi hai donato un po’ di serenità in più, ma non ho avuto risposte ed ora????
Rispondi usando espressioni prese dai miei scritti???? Dal mio blog???? Dì un po’: leggi il mio blog o ti fermi al mio cuore???
Non è possibile!!!!
Hai usato le mie parole, le mie espressioni…
Le hai usate in modo un po’ diverso, in modo da non farle sembrare proprio così palesi, ma non sei riuscito a prendermi in giro: l’ho capito sai che ce l’avevi con me…
Lo ha capito anche Annamaria!!!! Per cui non ci provare proprio a negare l’evidenza, né a dire che sono pazza o visionaria!!!!
Ed ora, su, dimmi: “Dov’è il trucco????”
Ritiri fuori la storia delle sabbie mobili, sì, ok, applicata al gergo sportivo, ad un atleta che non riesce più a rendere come dovrebbe, che non riesce più a soddisfare le aspettative che ha su se stesso, che gli altri hanno su di lui, ma che fai????? Copi le mie espressioni???? No, non può essere solo un caso….
Ho capito: hai usato le mie stesse parole, le mie espressioni perché altrimenti non avrei capito che ti riferivi a me, proprio e direttamente a me… E’ vero???? Lo hai fatto per questo: ovvio nessuno avrebbe potuto capire, né rendersi conto di nulla, ma io sì e pure chi mi sta vicino, chi segue le onde dei miei pensieri ed i baratri dei miei scoramenti!!!! Ancora ho i brividi se ci penso… Incredibile: solo Tu avresti potuto farlo, solo Tu potevi provocare in me un simile sommovimento e con i metodi che solo Tu sai…
Continuo???? Ok, continuo!!!!
Ti sei riallacciato al discorso “privato” che mi ha fatto Lucetta… (Leggi anche la mia posta ora??????)…
Lei dice che devo avere fede, che devo imparare a fidarmi, anche quando vivo questi periodi e Tu che fai????? Copi anche lei???? Ribadisci le cose che lei mi ha detto????? Fa un certo effetto, sai????? Dici che Pietro inizia ad affondare dopo aver camminato sulle acque perché ha perso di vista Te, Gesù Cristo, ed ha iniziato a contare solo su se stesso!!!! E continui: “Questo capita anche a noi, succede anche nelle nostre vite!”…. Vuoi che davvero non mi renda conto dell’allusione????????????
E’ davvero tutto così incredibilmente strano, sconvolgente, meraviglioso, assurdo…. Tutto tipico del Tuo modo di fare…. Non ti smentisci mai…
E poi, ancora: Elia cercava Dio nel fuoco, nel terremoto e non lo trovava; sì, ma lui lo cercava lì perché Dio si era sempre manifestato in quel modo prima, dove doveva cercarlo??? Povero Elia!!!! E Dio dov’era???? Nella brezza leggera, “come quella che noi ci procuriamo con i nostri ventagli”(ora spii anche il fatto che in Chiesa usiamo i ventagli per non morire dal caldo????)….
E così non ti fai trovare lì dove sempre ti manifesti… E no!!! Tu non sei mai banale, scontato…. Ci dimostri che sei sempre accanto a noi, anche se te ne stai buono buono a guardare, in silenzio: entri nella nostra vita con discrezione e senza sconvolgerla più di tanto…
E così, quello che vuoi è che io approfitti di questo tempo d’estate, tempo in cui abbiamo più momenti liberi per riflettere e vuoi che capisca che mi devo affidare a Te anche quando della mia vita non ci capisco più nulla!!!! Anche quando affondo nelle sabbie mobili, anche quando non vedo vie d’uscite, anche quando ho la tentazione di mollare tutto!!!!
Devo abbandonarmi!!!!
Non potevi dirmelo in un modo più chiaro di questo!!!! E non potevi risultare più assolutamente incredibile, fenomenale, sconvolgente e assurdo di così….
Ma che altro aggiungere?
E’ proprio vero che “NULLA è impossibile per Te!!!!”

Grazie di cuore…


Questo video è per te, mia dolce Lucetta, per ringraziarti infinitamente per la tua amicizia, per la tua vicinanza, ma soprattutto per dirti che ho molto riflettuto sulle tue parole e, anche se non sono ancora fuori dal tunnel, il fatto stesso di essere andata a ricercare questo video è un buon passo…
Tu che ne pensi????
Ti voglio bene… ♥

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: