“Chiedete e vi sarà dato”


Ieri sera c’è stata la processione del Corpus Domini. Per la prima volta è stata fatta di sera, alle 21, così nel pomeriggio abbiamo avuto modo di preparare per bene l’altarino davanti alla chiesa madre.
Io e Valentina siamo andate ad aiutare le signore che, solitamente, si occupano di addobbare gli altari ed abbiamo deciso di fare l’infiorata.
Questa non è una tradizione nel nostro paese, non era mai stata fatta prima, ma, con qualche suggerimento, datoci da Don Oreste, vedi quello di utilizzare lo scarto del caffè per realizzare i contorni del disegno, abbiamo deciso di realizzare un calice con l’ostia. E’ stato un lavoraccio perché non eravamo pratiche, non eravamo organizzate e, soprattutto, non avevamo abbastanza fiori, ma di questo ci siamo rese conto solo dopo che avevamo realizzato il disegno, con tanto di contorni al caffè…
Così abbiamo dovuto iniziare a togliere tutti i fiori di ginestra dai rami e reperire qui e lì, tramite telefonate varie, i fiori che ci mancavano…
Tutto questo facendo, ovviamente, una corsa contro il tempo…
Alla fine, per la serie: “Chiedete e vi sarà dato”, avevamo così tanti fiori che ce ne sono avanzati e ne abbiamo anche buttato via… 🙂
Eravamo esauste ancor prima che la processione avesse inizio… o.O
Quest’ultima, poi, è andata nel migliore dei modi, concludendosi, proprio davanti alla chiesa madre con il sottofondo musicale e la voce di Giovanni Paolo II che leggeva Le Beatitudini…
E’ stato un momento davvero emozionante…
Alla fine, poi, abbiamo smontato tutto e, finalmente, ci siamo ritirate a casa, distrutte, ma felici… 😀

Non ti sopporto più!!! Davvero….

È un periodo che nella mia testa c’è solo confusione,
chi lo sa, forse è il cambio di stagione…
Non sopporto quasi niente,
soprattutto certa gente…
C’è chi ride, chi comanda, chi pretende
e se non esegui alla perfezione, subito ti riprende…
Chi domanda, chi schiva, chi ti scruta
Solo con la speranza di vederti abbattuta…
Chi sorride con finzione, chi saluta con tanto di danze
solo perché si accorge che hai preso le distanze…
Non sai come regolarti:
far finta di niente o arrabbiarti?
Di una cosa son sicura:
che la vedo molto dura,
è già colma la misura…
La mia pazienza ha un limite, che è pericolante
ed io sto diventando altamente intollerante!!!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: