La penna rossa

2132012225754_biccristalrossa
Sono seduta qui in cucina, nella mia nuova casa di Pescara, dovrei studiare, ma il solo fatto di vedere appoggiata sul tavolo la mia Bic rossa, mi ha fatto fare un salto nei ricordi…
Avevo più o meno 6 anni, ero a scuola ed ero alta poco più di un metro: mi vedo così, piccola, alzarmi dal banco per portare il mio quadernino a righe, tutto ordinato, alla maestra, seduta alla cattedra…
Ero felice di portare con me la mia penna rossa, perché così la maestra avrebbe potuto usarla per correggere i miei compiti o il mio dettato e mettermi il voto, ma la cosa più bella era che se lei usava la mia penna, poi, il suo buon profumo restava impresso su di essa ed io amavo, poi, odorare la penna toccata dalla maestra…
Mi pare ancora di avvertirlo quel profumo, così come mi sembra di sentire ancora il calore di quell’ambiente, così vero, così familiare, così intriso di affetto, ma allo stesso tempo di sano rigore e di rispetto per le regole…
Mi manca quel mondo che fu, ma che mi ha preparato ad affrontare quello che oggi è.

Annunci

39 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ili6
    Feb 23, 2013 @ 12:34:16

    ma quanto è bello ciò che hai scritto! E quanto affetto e riconoscenza dentro le tue parole per un mondo, quello della scuola, che soprattutto è fatto di umanità.
    Ciao
    maria Rosaria

    Rispondi

    • Deborath
      Feb 23, 2013 @ 13:47:01

      Ciao Marirò, l’affetto che ho per la mia maestra dell elementari mi accompagnerà per sempre: non si può dimenticare quando si è ricevuto così tanto, sarebbe da pazzi…
      Lei mi ha amato così tanto che sento quell’amore ancora oggi dentro di me e lo tengo come un tesoro prezioso nello scrigno del mio cuore, lo conservo lì per tirarne fuori un po’ nei momenti bui, quando mi sento sola o non amata…
      Ti abbraccio e sono certa che anche i tuoi bambini conserveranno di te ricordi come il mio…
      Buon lavoro…

      Rispondi

  2. Ros'es
    Feb 13, 2013 @ 22:22:26

    Ma quanto è vero quel che dici cara!
    Con questo tuo ricordo hai riacceso i miei !
    La mia maestra,biondissima,dolcissima,il rosso ? Il colore dominate!
    Tutto era in quel misterioso tratto di penna rosso …e a casa noi ?Mamma la maestra ha detto di comprare la penna rossa!
    E sui banchi poi ? La mia sorpresa …mentre lei dettava noi dovevamo scrivere in rosso per esempio le maiuscole …bene io riuscivo a tenere nella stessa mano,la destra,e tra le stesse dita entrambe le penne ..la blu e la rossa
    il rosso ? il mio colore ancora adesso …è il colore del cuore che ama il mondo con tutte le sue creature
    ciao tesoro tvb

    Rispondi

    • Deborath
      Feb 15, 2013 @ 15:33:31

      Ciao Rosetta, grazie per aver condiviso con me i tuoi ricordi!!!
      Che bellissimi periodi quelli della scuola, erano così leggeri, così spensierati, così felici…
      Mi viene sempre un po’ di nostalgia se ci penso, ma sono ricordi che fanno parte di me ed il fatto che nessuno potrà portarmeli via, mi fa sentire così ricca… 🙂
      Grazie mille di essere passata… 🙂

      Rispondi

  3. Sergio Baldin
    Feb 11, 2013 @ 10:03:14

    Ciao carissima Debby in versione abbruzzese!
    Sono da te ricordi di questo genere, anche se i tempi della scuola finiscono spesso per far parte dei ricordi di tutti, anche a grande distanza di tempo, come capita a me, almeno di quel poco che ancora riesco a ricordare.
    Cerco di immaginarmi la Debby a quell’età, forse con il sorriso bello come quello di questa età, già allora tua caratteristica che ti avrà reso cara alle insegnanti!
    Ma poi, ricordi così teneri, come non sentirsi muovere dentro tutta la dolcezza possibile per una persona come te?
    Il particolare del profumo mi ricorda la mia prima amica di blog (ora su FB), della quale ancora sento presente il profumo tanto gradevole sul cd che mi ha mandato!
    Bastano piccoli dettagli per istillarci un pò di felicità!
    Spero funzioni così per te, che ti sia di aiuto ora che sei lontana da casa, anche per assolvere meglio possibile questo tuo impegno!
    Un abbraccio forte forte, buona settimana amica dolcissima!

    Rispondi

    • Deborath
      Feb 12, 2013 @ 08:30:33

      Ciao mio caro Sergio, hai una qualità bellissima: quelle di trovare sempre delle parole così belle, così tenere che riescono ad accarezzare dolcemente il cuore…
      E’ così bello averti per amico…
      I ricordi sono tesori preziosi perchè ci rendono quelli che siamo, fanno parte di noi e ci accompagneranno sempre ovunque andremo…
      Ti abbraccio forte anch’io e ti voglio bene…
      Buona settimana anche a te,,, 🙂

      Rispondi

      • Sergio Baldin
        Feb 12, 2013 @ 08:49:20

        grazie, sei un tesoro!

        Rispondi

        • Deborath
          Feb 13, 2013 @ 10:00:14

          Tu lo sei, mio caro Sergio.
          E’ sempre un immenso piacere leggerti: anche se sono un po’ giù di morale, la tua dolcezza, la tua comprensione ed il tuo appoggio, mi fanno stare sempre meglio…

          Rispondi

          • Sergio Baldin
            Feb 13, 2013 @ 10:45:09

            vedi come può essere bello esser amici anche qua: fisicamente lontani e mai incontrati, però vicini col pensiero e coi bei sentimenti!
            Tu dai un senso all’appartenenza a questo ambito e piccolo mondo dove ci incontriamo!
            Un bacione e sempre su col morale!

            Rispondi

            • Deborath
              Feb 13, 2013 @ 11:24:53

              Sìììì, 😀
              E’ bellissimo, soprattutto se si incontrano persone belle come te!!!!
              Tutti noi diamo un senso a questo spazio, a questa grande famiglia virtuale che, poi, tanto virtuale non è…
              Grazie di tutto quello che fai per me e per questo posto…
              Ti voglio bene… 🙂

              Rispondi

  4. Rita
    Feb 09, 2013 @ 16:20:20

    Hai vissuto intensamente quei momenti e per questo sono ancora ben vivi nella tua mente… ti immagino piccina piccina pronta a porgere la penna alla tua maestra 🙂 Saranno intensi anche questi momenti e ciò capita a chi, come te, ama la vita e ne apprezza ogni momento, bello o meno bello. Sai, anche io come Lucetta sono legata a quella terra; i miei avi erano abruzzesi e già da un un bel po’ sto sognando di trascorrere qualche giorno da quelle parti… chissà che non ci si incontri! 🙂 Ti abbraccio.

    Rispondi

    • Deborath
      Feb 09, 2013 @ 17:50:00

      Ciao Rita, è vero: io vivo sempre intensamente ogni momento, bello o brutto che sia, fino ad arrivare, a volte, ad assumere proprio toni melodrammatici…
      Lo so che, tante volte, questo non è un bene, ma poi ognuno è sempre quel che è ed è fatto a suo modo…
      Io spero di cuore che questi ricordi rimangano sempre vivi in me, perchè sono uno splendido rifugio racchiuso nella mia anima e, contemporaneamente, spero di poterne collezionare ancora di ricordi così, ne ho davvero bisogno…
      Se vieni da queste parti, fammelo sapere, almeno prendiamo un caffè insieme e ci facciamo una chiacchierata a quattr’occhi, riuscendo, finalmente, ad abbracciarci davvero e non solo virtualmente…
      A presto… 😀

      Rispondi

  5. lella
    Feb 09, 2013 @ 15:18:32

    che bei ricordi…la scuola era un pò come essere a casa…
    un abbraccio…buon fine settimana!
    lella
    🙂

    Rispondi

    • Deborath
      Feb 09, 2013 @ 17:46:28

      Sì, lella, è proprio così e credo che i ricordi legati a quel periodo della mia vita siano i più belli in assoluto: è lì che mi rifugio quando ho bisogno di coccole e protezione… 🙂

      Rispondi

  6. lucetta
    Feb 09, 2013 @ 13:48:06

    Sento che questo periodo per te sarà bellissimo….i pensieri e i ricordi che ti affollano la mente fanno presagire “cose buone”. Ti penso in giro per la mia città natale che calpesti il suolo chietino, che percorri il corso Marruccino, che entri nel duomo di san Giustino o nella stupenda chiesa di san Francesco al corso, luogo che ha raccolto tante mie preghiere di adolescente” problematica e pensierosa”.
    Oggi sorrido al pensiero e vedo il filo conduttore di ogni passo.
    Scusami se ho parlato di me ma mi è venuto spontaneo. Ti abbraccio.

    Rispondi

    • Deborath
      Feb 09, 2013 @ 17:45:19

      Scusarti, Lucetta???
      Ma cosa dici??? Scherzi????
      Per me è un onore raccogliere qui i tuoi ricordi. Sai quanto ti voglio bene ed ogni sprazzo di te che mi regali è sempre un dono prezioso ed un esperienza di cui fare tesoro…
      Ho preso casa a Pescara e vado a Chieti solo per seguire le lezioni all’università, ma so che anche qui è casa tua e che tu accompagni sempre ogni mio passo…
      Ti voglio bene e spero anch’io che questo sia un periodo bellissimo, tu sai quanto io abbia bisogno che sia così…
      Ti abbraccio con immenso affetto…
      A presto.. ♥

      Rispondi

  7. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Feb 09, 2013 @ 12:06:20

    questo post mi ha fatto venire in mente questa sigla 😀
    Chi siano non lo so gli strani ometti blu sono alti suppergiù
    due mele e poco più

    Rispondi

  8. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Feb 09, 2013 @ 12:02:54

    con sto rosso…
    sei fissata 😀

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: