Un uomo semplice

” Per uno di quei cortocircuiti che rendono immortali gli attori, l’infarto che ha ucciso a 54 anni Michael Clarke Duncan ha riportato nelle nostre vite l’immagine di uno dei personaggi più meravigliosamente scomodi della narrativa contemporanea. Il gigante buono del film «Il Miglio Verde» John Coffey. Fu concepito in una notte insonne da Stephen King, che gli volle dare le stesse iniziali di Jesus Christ e in fondo lo stesso destino. Un uomo semplice, dotato di poteri di guarigione straordinari, viene giustiziato sulla sedia elettrica per una colpa orribile che non ha commesso. Potrebbe scappare, non lo fa. Potrebbe odiare, non lo fa.
Ama e cura il suo prossimo in modo sovrumano, eppure è fragile, pieno di paure. Impossibile resistere a ciglio asciutto alla scena dell’esecuzione, quando J.C. rifiuta il cappuccio sugli occhi: «Ti prego, capo, non mettermi quella cosa in faccia. Io ho paura del buio». Ma sono altre le sue parole che mi inseguono da anni: «Sono stanco, capo. Stanco di andare sempre in giro solo come un passero nella pioggia. Stanco di non avere un amico che mi dica dove andiamo, da dove veniamo e perché. Stanco soprattutto del male che gli uomini fanno agli altri uomini. Stanco di tutto il dolore che sento nel mondo ogni giorno. Ce n’è troppo per me. È come avere pezzi di vetro conficcati in testa». Vorrei tanto ovattare la tua sofferenza con la mia stupida leggerezza, J.C. Ma ho imparato, anche da te, che sofferenza e amore sono vibrazioni di una stessa corda. Chi per non soffrire la strappa, non sente più niente. Ed è quella l’unica morte di cui avere paura.”

(Massimo Gramellini, La Stampa. 5/09/2012)

Annunci

80 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. keypaxx
    Set 26, 2012 @ 15:02:52

    Il libro di Stephen King è, a mio avviso, uno dei migliori da lui scritti, tra i numerosi best seller della sua bibliografia. Caso analogo (e raro) riguarda il film; sicuramente all’altezza del romanzo. Mi spiace molto per la dipartita dell’attore che, se non rammento male, ho anche visto nel recente DareDevil.
    Un sorriso di ben trovata a te.
    ^___^

    Rispondi

    • Deborath
      Set 26, 2012 @ 17:50:57

      Ciao Keypaxx e benvenuto nel mio blog, è un vero piacere averti qui…
      Sono d’accordo con te, questo è uno dei pochi casi in cui il film rispetta la bellezza del testo scritto.
      Di solito le immagini non rendono mai giustizia ai libri…
      Dispiace molto anche a me per la morte di quest’attore tra l’altro giovane.
      Grazie mille di esser passato… 🙂

      Rispondi

  2. zebachetti
    Set 22, 2012 @ 07:59:28

    Veramente un bel film, strepitosa l’ interpretazione, commovente. ciao bella a
    presto anche a te un bel fine settimana

    Rispondi

  3. Carmen B.
    Set 18, 2012 @ 01:50:50

    Un film indmenticabile ed emozionante. Un’interpretazione intensa e passionale… forse c’era davvero un po di magico nell’attore come nel personaggio. Un bacio rivolto al cielo glielo rivolgo anch’io. Ciao Deborah

    Rispondi

  4. lupus.sine.fabula
    Set 17, 2012 @ 17:41:44

    Di questo personaggio, io ricordo le parole più volte pronunciate ‘Mi spiace per quello che sono’. Certo il personaggio non è da confondere con l’attore; attore di cui, per altro, non si sa altro se non che interpretò questo mirabile film.
    Grazie per aver portato alla mia conoscenza l’intervento di Gramellini.

    Rispondi

    • Deborath
      Set 20, 2012 @ 19:03:31

      Vedi, Lupus, poi ognuno trattiene, di un film o di un libro, parole diverse e quellee che tutti voi avete citato sono tutte bellissime…
      Un abbraccio…

      Rispondi

  5. Donatella
    Set 14, 2012 @ 13:15:24

    Passo per augurarti un felice weekend…TVB dolce Debby♥

    Rispondi

  6. Mario
    Set 14, 2012 @ 08:36:47

    Ciao cara Debby, credo che le toccanti parole di Gramellini rendano il giusto onore al personaggio ed al suo bravo intrerprete. Un bel modo per ricordare. Un abbraccio

    Rispondi

    • Deborath
      Set 20, 2012 @ 18:58:00

      Ciao Mario,
      so quanto anche a te piaccia Gramellini… 🙂
      Sono contenta che anche tu lo abbia apprezzato in questo pezzo, come me… 🙂
      Ti abbraccio forte forte…

      Rispondi

  7. cavaliereerrante
    Set 14, 2012 @ 06:57:33

    A mio parere “errante”, così come credo che non serve spezzare volontariamente quella corda ‘per non soffrire’ ( poichè la sofferenza non è una corda che ci è dato spezzare o un soprammobile che possiamo scansare di qua o di là … e si riaffaccerà comunque ), ugualmente non penso affatto che chi la spezzi abbia poi a temere quell’ unica morte, come ricama la penna del @giornalista autore del pezzo qui citato, poichè la morte, o la si irrida o la si tema, o la si insegua o la si fugga …. fatalmente arriva e taglia lei “l’ unica corda” che conta ! 😦
    Credo invece, fuori dalla retorica del necrologio, che ci sono Persone così sensibili e intuitive da capire subito e fin dalla più età, al di là delle loro esperienze esistenziali e delle proprie sofferenze, la portata reale del male ( specie quello arrecato dall’ uomo sull’ uomo per motivi abietti ) ed il dolore che ne consegue . Queste Persone lottano, non di rado più per gli altri che per sè stessi, mantengono i loro ideali …. vivono cercando, ma il dolore che avvertono nell’ anima, il ‘dolore del mondo’, è così grande che, di fronte all’ impotenza loro di cambiare lo stato reale delle cose, diventa, lui gigante esse fragili e di passaggio come tutti noi, straziante da sopportare … e qualcosa in loro si rompe !
    Pace a J.C. … ovunque riposi !
    @Cavaliereerrante …

    Rispondi

    • Diemme
      Set 14, 2012 @ 07:37:26

      Magari era un Giusto anche lui 🙄

      Rispondi

    • Deborath
      Set 20, 2012 @ 18:52:21

      Oh, Cavaliereerrante, quante cose belle hai detto…
      Sai, non ritenermi immodesta se ti dico che mi riconosco molto in ciò che hai scritto nella parte finale del tuo commento…
      Anche io sono molto sensibile e spesso mi trovo a soffrire in modo spropositato per tante cose che non toccano minimamente la gente, cosiddetta, normale… 😦
      Grazie di esserci, è sempre bello leggerti e ti prego di perdonare il ritardo nel risponderti: di solito non è da me, ma è stato un periodo un po’ così…

      Rispondi

  8. Suryaஇڿڰۣ-ڰۣ
    Set 13, 2012 @ 16:28:59

    l’ho visto solo in quel ruolo toccante e delicato…
    sembrava un angelo ..forse lo era…
    namatè

    Rispondi

    • Deborath
      Set 20, 2012 @ 18:46:27

      Ciao Surya e benvenuta di cuore nel mio blog…
      Anche io credo di averlo visto solo in questa interpretazione, ma mi è piaciuto tantissimo!!!
      Torna pure quando vuoi, mi farai felice!!! 🙂

      Rispondi

  9. lucetta
    Set 11, 2012 @ 19:04:26

    Rileggendo, mi sono spuntate nuovamente le lacrime. E come si fa a resistere? E’ stato uno dei film più belli che io abbia mai visto e che mi sono rimasti impressi . Queste parole : ” Stanco soprattutto del male che gli uomini fanno agli altri uomini. Stanco di tutto il dolore che sento nel mondo ogni giorno. Ce n’è troppo per me.” mi fanno male al cuore e nello stesso tempo mi sento fortunata ad avere avuto vicino amici che mi hanno detto dove andiamo, da dove veniamo e perché.
    Ciao Deborath. Un bacione.

    Rispondi

  10. Donatella
    Set 11, 2012 @ 17:54:46

    Mi commuovo sempre ripensando a quella scena…grazie a questo splendido e indimenticabile interprete per averla scolpita nel nostri cuori.
    Ti voglio bene dolce Debby♥

    Rispondi

    • Deborath
      Set 20, 2012 @ 18:42:33

      Io credo che sia straziante tutto il film, particolarmente la scena in cui viene ucciso lui, ma anche i momenti in cui non viene compreso, viene giudicato male e considerato colpevole solo per stupidi pregiudizi razziali!!!
      Quanto male, quanto male e quanta fredda incomprensione nel mondo… 😦
      Un abbraccio, Dony!!!

      Rispondi

  11. giselzitrone
    Set 11, 2012 @ 17:10:00

    Das war ein toller Film lieber Gruss von mir und schönen Nachmittag Gislinde.

    Rispondi

  12. Sergio Baldin
    Set 11, 2012 @ 10:28:45

    Ciao carissima Debby, che ti posso dire se quel film non l’ho mai voluto vedere?
    Però quel volto non mi è del tutto nuovo e mi pare, da quanto leggo, che l’attore si sia molto immedesimato nella parte che ha interpretato, come se fosse stata realtà.
    Cosa che sarà lo stesso per altri fatti che accadono e che non fanno certo parte di finzioni letterarie e/o cinematografiche.
    Anche lui ha lasciato questa vita prematuramente, forse in una fase nella quale l’infarto è sempre in agguato, nonostante tutte el conquiste in termini di diagnosi e prevenzioni.
    Mi dico sempre che per ognuno è già scritto il tempo ed il modo, fortunatamente noi non li conosciamo, ma occorre che ci siano, perchè siamo pur sempre qua a termine.
    Ciao amica dolcissima, un abbraccio forte a te e che la vita ti sorrida!

    Rispondi

    • Deborath
      Set 20, 2012 @ 18:37:25

      Mio caro Sergio, ti consiglio vivamente di vederlo quel film, è uno spaccato bellissimo contro la pena di morte!!!!!
      Grazie per le tue parole e per esserci sempre…
      Ti abbraccio… 🙂

      Rispondi

  13. Diemme
    Set 11, 2012 @ 09:39:16

    Parole vere e toccanti, ho i brividi. Ho amato quel film, ho amato quelle parole che capisco: il male del mondo è un peso troppo grande per le persone buone.

    Rispondi

  14. Rebecca o semplicemente Pif
    Set 11, 2012 @ 05:34:39

    Anche a me questo film ha fatto tanto pinagere… allora anche lui e tornato alla fine a casa… Cara Debora e doloroso sempre per chi rimane se uno oltrepassa, noi abbiamo un mese fa perso il nostro caro Luigi (fratello del mio martito) solo a 52 anni… la vita e un dono di Dio e molto prezioso… ti abbraccio Pif

    Rispondi

    • Deborath
      Set 20, 2012 @ 18:32:37

      Cara Rebecca, ho saputo di tuo cognato Luigi, purtroppo: è dura perdere una persona ed il distacco crea una ferita in noi che non si rimarginerà mai…
      Ti abbraccio forte forte… ♥

      Rispondi

  15. Claudio's
    Set 11, 2012 @ 03:24:27

    Grazie di averci offerto questo spaccato di esperienza umana!
    Personalmente, mi identifico molto in questa immagine così profonda e ricca di grande sentimento ed emozione!.
    Grazie Deborath per avercela donata col cuore!
    Un abbraccio ♥
    Cla

    Rispondi

  16. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Set 10, 2012 @ 23:32:17

    Bello, quel film…
    Quanto ho pianto

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: