Antica saggezza


Il nonno di Pietro diceva sempre: “‘ncià ogni casa nc’è na cruci e duva non c’è a cruci nc’è u diavulu!”

(Ossia: in ogni casa c’è una croce e dove non c’è la croce c’è il diavolo!!!)…
Credo che ci sia davvero tanto da meditare….

Annunci

128 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ili6
    Apr 07, 2012 @ 20:23:18

    auguri di santa e serena Pasqua
    ciao

    Rispondi

  2. Sergio Baldin
    Apr 07, 2012 @ 17:56:19

    Carissima Debby, ripasso di qua, ma stavolta per lasciarti i miei auguri per una Santa Pasqua, che so lo sarà, allora la felicità sarà assicurata.
    Che possa essere una festa che potrai vivere anche assieme ai tuoi cari, ad iniziare dal tuo Pietro!
    Un abbraccio grandissimo, mia dolce amica, sarai nelle mie preghiere!
    Ancora buona Pasqua!

    Rispondi

    • Deborath
      Apr 10, 2012 @ 14:02:45

      Oh, ciao Sergio e scusami se rispondo solo ora, ma ho avuto un sacco di impegni e mi sono collegata solo velocemente…
      Grazie per gli auguri che ricambio con tutto il mio affetto.
      Spero che le tue festività siano trascorse in maniera tranquilla e serena in compagnia della tua adorata famiglia…
      TVB… ♥

      Rispondi

  3. Emilio
    Apr 07, 2012 @ 12:52:50

    Buona pasqua a te e tutti i tuoi cari Debby!
    Un abbraccio 🙂

    Rispondi

  4. fabiana
    Apr 06, 2012 @ 18:12:32

    Beh, si potrebbe dire:
    anche dove non c’è il Risorto …

    Rispondi

  5. Donatella
    Apr 06, 2012 @ 14:00:12

    Una bellissima frase che fa davvero tanto riflettere…dapprima ho pensato alla Croce in senso figurato, poi ho compreso che il significato era un altro…chiunque abbia un cuore e sia timorato di Dio non teme di portare sulla spalle la propria Croce perchè Gesù lo aiuterà a sopportarne il peso. La saggezza degli antichi non si smentisce mai.
    Ti auguro una Pasqua serena con i tuoi cari mia dolce Debby, che possa portarti tant, tantissimi sorrisi. Un abbraccio con affetto♥

    Rispondi

    • Deborath
      Apr 10, 2012 @ 13:50:49

      Ciao Dony, grazie mille e tanti auguri di Buona Pasqua anche a te: di certo u n pò in ritardo, ma ho avuto tantissimi impegni…
      Ti abbraccio forte forte e ti chiedo scusa…
      A presto… ♥

      Rispondi

  6. lupus.sine.fabula
    Apr 05, 2012 @ 20:51:19

    La saggezza dei nostri nonni è spaventosamente profonda nella loro semplicità di espressione.
    E ancora più profonda sei tu che sei ingrado di tenerne conto, annotare e trasmettere.
    Grazie

    Rispondi

  7. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Apr 05, 2012 @ 09:00:42

    croce o non croce…
    cerca di fare un nuovo post…
    siamo fermi qui da troppissimo tempo…
    OK??????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

    Rispondi

    • Deborath
      Apr 10, 2012 @ 09:45:34

      L’ho fatto!!!!
      Contenta????
      Lo so che non è Grrrrr, come piace a te… Ma mica posso arrabbiarmi sempre solo per tenere buona te????
      Ma guarda un pò…. 😉

      Rispondi

  8. wolfgangpowerpoint.wordpress.com/
    Apr 02, 2012 @ 21:02:04

    Guten Abend.
    Wir haben eine NEUE pps im Blog.
    Gruß Gisela und Wolfgang

    Rispondi

  9. wolfgangpowerpoint.wordpress.com/
    Apr 02, 2012 @ 16:03:10

    Hallo,eine schöne Woche wünschen wir.
    Gisela und Wolfgang

    Rispondi

  10. IL SICULO
    Apr 02, 2012 @ 09:01:44

    Vedo che già ci sono molto commenti, ha da poco che sono su WP ma i post più interessanti (tempo permettendo) li leggo. La sapienza dei nostri nonni era tanta e non sempre noi c’è ne ricordiamo. Altro già è stato detto, quindi inutile essere ripetitivo. Mi è sembrato doveroso dire anche la mia. Ti saluto e ti invito a passare nel mio piccolo blog. Ciao.

    Rispondi

  11. wolfgangpowerpoint.wordpress.com/
    Apr 01, 2012 @ 20:42:50

    Hallo, einen GUTEN ABEND.
    Wolfgang war da.
    Freundliche Grüße von uns.
    Gisela und Wolfgang

    Rispondi

  12. Emilio
    Apr 01, 2012 @ 10:35:29

    Ecco la vera croce sei tu!!! :mrgreen:

    Rispondi

  13. Carmen B.
    Apr 01, 2012 @ 01:57:12

    Quant’è vero cara Deborah… per dolore, ma ancor più per amore, la Croce cìè… e dove non c’è è oblio dell’anima.
    Un abbraccio cara

    Rispondi

  14. Angela
    Mar 31, 2012 @ 19:51:07

    I detti antichi non si sbagliano mai carissima Debby! Il Signore come ben sai non ci dà delle croci più grandi di quelle che noi possiamo sopportare…. è una costatazione anche perchè mi rendo conto che ognuno di noi tribola tra piccoli e grandi problemi quotidiani. Ti auguro una Buona Domenica delle Palme tesorina.

    Rispondi

    • Deborath
      Apr 01, 2012 @ 13:50:52

      E’ vero Angela, sono d’accordo con te: non ci dà mai una croce più grande di quella che possiamo portare, lo dicevo proprio qualche commento più sotto, in risposta a Marirò… 🙂
      Un abbraccio e buona domenica… 🙂

      Rispondi

  15. zebachetti
    Mar 31, 2012 @ 18:20:47

    IL SALVATORE nel cuore poi tutto il resto. la saggezza dei nostri nonni un bene prezioso. Ciao DEBBY buon sabato e una serena domenica delle palme. nazzareno

    Rispondi

  16. ili6
    Mar 31, 2012 @ 09:17:18

    “Croci” grandi o piccole, pesanti o leggere ce ne sono in ogni casa e più o meno visibili. E’ vero che da esse si può trarre forza e saggezza, è vero che possono indicare un cammino, ma è anche vero che se son troppo pesanto da sopportare, schiacciano ed allontanano.
    In quanto al detto del nonno: sì, i vecchi la sanno lunga e in generale si afferma che in una casa senza croce, cioè senza religione, non c’è pace perchè la religione, la vera fede porta a questo. O dovrebbe portare.
    Buon weekend di pace e gioia, ciao.

    Rispondi

  17. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Mar 29, 2012 @ 20:38:21

    curiosando…
    ti ho letta in un post di Rebecca…
    che non sei paziente lo sappiamo 😀

    ghghghghghhghghg

    Rispondi

  18. Rebecca o semplicemente Pif
    Mar 29, 2012 @ 13:38:09

    Cara Debby, rispondo qui al tuo commento della decorazione di pasqua… ora ti spiego amo molto le mie usanze e tradizioni anche se non nell’aspetto religioso.. proprio natale e pasqua sono colmi di colore e in questi guiorni trasformo la mia casa, per me è come sfuggire dalla vita quotidiana, creare il mio mondo che mi protegge dal flusso negativo del mondo.. A volte non vorrei essere mai nata, non suporto la falsità, la violenza, il rancore, l’odio.. capisci? Per questo tengo molto alle mie tradizioni d’infanzia, perchè ai questi tempi non dovevo pensare alle cose negative, perchè erano i miei che mi hanno protetto da tutto questo che oggi mi fa stare male.. forse per quello amo stare isolato in mezzo alla natura per sentirmi più vicino al nostro Creatore.. scrivo sempre troppo.. mi perdoni … ti abbraccio Pif

    Rispondi

    • Deborath
      Mar 29, 2012 @ 14:02:10

      Sì, capisco cosa intendi, ma ti prego, non dire che non vorresti mai essere nata, l’umanità non avrebbe avuto il grande dono che tu sei, altrimenti…
      Fai bene a stare in mezzo alla natura ed agli animali: loro sono sempre sinceri, non fingono… Ci amano sempre e comunque per come siamo…
      Grazie del tuo passaggio e del tuo commento…
      E’ bello che tu mantenga le tue tradizioni, sono un regalo dei tuoi genitori e saranno tue per sempre…
      Un abbraccio forte… 😀

      Rispondi

  19. Cristiana
    Mar 28, 2012 @ 22:41:37

    Deb …mi spiace passare di corsa…ma volevo almeno lasciarti la buonanotte e dirti che tornerò presto a leggerti .. TVB amica mia

    Rispondi

  20. Gabriele
    Mar 27, 2012 @ 20:38:25

    OK! devo dire che mi piace moltissimo la spiegazione che hai dato nei commenti! La penso anche io così!
    Se ci riferiamo all’oggetto “croce” allora mi viene in mente un frate francescano che ha celebrato la messa a Grosseto la pasqia dell’anno scorso, Una vecchietta: “da me il diavolo non viene, io ho le croci in casa!” e lui: “signora, il cornuto delle croci se ne frega..”

    Rispondi

    • Deborath
      Mar 28, 2012 @ 10:13:37

      Sì sì, certo Gabriele, mi sembrava abbastanza ovvio che il nonno del mio ragazzo non si riferisse alla croce come semplice oggetto, ma come un qualcosa che rimanda ad altro… 😀
      Un abbraccio e, devo dire, che il frate aveva decisamente ragione!!!! 😀
      Buona giornata… 🙂

      Rispondi

  21. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Mar 27, 2012 @ 19:02:36

    ma, intendi croce come il pezzo di legno?
    o, croce… come quella che ho detto io : TU, sei la mia croce???
    io, questo non l’ho mica capito 😀

    Rispondi

  22. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Mar 27, 2012 @ 18:16:29

    tu sei la mia croce 😀

    Rispondi

  23. Rita
    Mar 27, 2012 @ 16:27:56

    “Tanti uomini e donne di ogni età camminavano verso la stessa direzione, trascinando una croce sulle spalle. Le croci erano di diverse dimensioni e un uomo, che sudava tantissimo per portarla, decise di alleggerirla, segandone una parte.
    Tutta quella gente, ad un certo punto, giunse davanti ad un baratro. Dall’altra parte si vedevano persone senza croce investite di luce.
    Come passare dall’altra parte? Molti che avevano camminato con lui usarono la croce come ponte per passare dall’altra parte, invece quell’uomo non potè fare la stessa cosa perchè la sua croce era più corta delle altre e quindi non raggiungeva l’altra sponda”.
    Ciao Deborath. Anche questo racconto ci aiuta a capire che solo attraverso la croce si arriva alla Luce vera. Buona settimana di passione.

    Rispondi

    • Deborath
      Mar 28, 2012 @ 10:10:16

      Ciao Rituccia bella, grazie mille per aver postato qui questo racconto, lo conoscevo già e l’ho sempre trovato molto bello…
      Rende molto l’idea di quello che volevo scrivere nel mio post e per questo ti ringrazio molto!!!!! 😀
      Buona giornata, amica mia preziosissima… ♥

      Rispondi

  24. lucetta
    Mar 27, 2012 @ 14:03:28

    Sto imparando sempre più a vedere la croce come “un mezzo” di cui non aver paura ma che mi porterà tra le braccia del Signore. Mi piace l’immagine tantissimo…quella mano che si protende vuole incoraggiarci a non temere.
    Inoltre come per CRISTO, dopo la croce……la RESURREZIONE ad una vita senza più croci, solo felicità. Ti abbraccio mia cara Deborath.

    Rispondi

    • Deborath
      Mar 28, 2012 @ 10:07:59

      Ciao Lucetaaaaa!!!!!!!!!!!!
      che meraviglia trovarti qui di tanto in tanto!!!! 😀
      Sono felice….
      E’ bello sapere che hai apprezzato questo post e che ti piaccia anche l’immagine…
      io ti confesso che ancora mi spaventa un pò la croce, così come mi spaventa la sofferenza e la solitudine, ma sono sicura che l’aiuto di Dio non verrà mai meno in quei momenti, così come il suo conforto…
      Ti abbraccio forte forte e ti invito a leggere, con calma e quando hai tempo, il mi post “Pray” di qualche giorno fa, sono certa che ti piacerà!!!! 😀

      Rispondi

  25. Rebecca o semplicemente Pif
    Mar 27, 2012 @ 12:07:56

    Sai mia cara io credo la fede e il assoluto che ci protegge dal male, a me il croce non mi piace, perchè lo vedo come un mezzo bruttissimo, si come lo hanno ucciso Gesù con la croce.. io voglio vedere Gesù com uomo vivo risorto e tornato a casa dal suo padre il nostro grande Creatore.. questo immagine di Gesù lo porto nel mio cuore come anche la mia fede in DIO… ti auguro una serena giornata Pif

    Rispondi

    • Deborath
      Mar 28, 2012 @ 10:05:18

      Ciao Rebecca, è vero quello che dici, anche se, per noi cristiani, la croce di Cristo, da strumento di tortura si è trasformata in albero di vita…
      Comunque, la croce di cui parlava il nonno del mio ragazzo non è la croce in sè e per sè, intesa come il “pezzo di legno”, ma come le difficoltà, le malattie, i problemi piccoli e grandi che ogni essere umano è chiamato ad affrontare in questa vita….
      E’ l’accettazione di questa sofferenza, l’offerta che se ne fa a Dio che ci porta ad abbracciare la nostra croce per andare dietro a Cristo sulla via del Calvario, per poi poter risorgere con lui…
      Ti invito, a questo proposito a leggere la storiella che ha riportato Rita nel suo commento quassù, rende molto l’idea di ciò che volevo dire…
      Un abbraccio e grazie infinite di esser passata… 😀

      Rispondi

      • Rebecca o semplicemente Pif
        Mar 28, 2012 @ 11:12:58

        Sai so il significato della croce, poi noi tutti portiamo una croce su le spalle, per alcuni e un peso doloroso, per altri di meno.. il simbolo della croce di Gesù simbola dolore di due tipi, uno per la sofferenza di Gesù durante la sua passione, l’altro dolore e dal suo Padre DIO, che vide soffrire suo figlio per causa del uomo.. Solo chi e genitore può capire quanto si soffre vedere soffrire il proprio figlio.. la storia di Gesù nonostante tutte le sue offese e torturamenti e la sua morte, ha qualcosa di buono per noi tutti, la speranza di resurrazione per l’essere umano quando arriva il grande giorno del nostro Creatore… quanto deve DIO amare noi essere incoscienti per aver offerto la vita del suo figlio per la nostra salvezza.. nessun essere umano sarebbe capace se potrei farlo una cosa simile, perchè a noi non ci frega la corce che portano gli altri.. scusa se mi sono prelungata, ma lo dovevo scrivere i miei pensieri… tvb Pif

        Rispondi

  26. Sergio Baldin
    Mar 27, 2012 @ 10:49:42

    Carissima Debby, parlando di nonni ed anziani abbiniamo sempre a loro la saggezza, credo che anche in questo caso ciò sia dimostrato!
    Ma poi è da rilevare come a loro non occorressero tante parole per esprimere un pensiero denso di sostanza.
    Forse altri tempi, sicuramente meno rumorosi degli attuali, erano contrassegnati anche da minor spreco di inutili parole.
    E’ evidente che un pò di silenzio in più poteva lasciar più spazio al pensiero, in questo caso alle riflessioni su concetti importanti.
    Sai che ci sarei arrivato lo stesso anche senza traduzione, perchè, sebbene non conosca per niente quel dialetto, il concetto mi sembrava emergere con sufficiente chiarezza!
    Ciao dolcissima amica mia, un abbraccio forte forte!

    Rispondi

    • Deborath
      Mar 28, 2012 @ 10:01:34

      Buongiorno Sergio e grazie del tuo, sempre preziosissimo, passaggio qui da me… 🙂
      I nostri vecchi (ed uso proprio questa parola perchè per me non è affatto brutta) avevano una saggezza arcana: senza aver studiato, riuscivano perfettamente a comprendere le cose fondamentali della vita…
      Sono contenta che avresti capito la frase anche senza traduzione: sei pronto, quindi, per fare un giro da queste parti!!!! 😀
      Un caro abbraccio, amico mio…
      TVB…

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: