La Croce di Cristo


Fb è una piattaforma e, come qualsiasi oggetto, ognuno può scegliere come utilizzarlo: lo si può fare con intelligenza, oppure decidendo di seguire la massa…
Perché? Ma semplice: per apparire simpatici, ridicoli, “alla moda”, perché così ci si sente omologati a tutto ciò che ci sta intorno, non ci si sente fuori dal coro…
Già, proprio per questi motivi…
Però, oggi, sempre meno ci si rende conto che ognuno di noi è un essere a sé, dotato di un cervello, di un’intelligenza, di una capacità di discernimento; ognuno di noi è un essere pensante o, per lo meno, così dovrebbe essere…
In realtà, più vado avanti, più mi rendo conto che non è così…
Alla base di questo post c’è una delle mie solite riflessioni…
Ultimamente gira su fb un disegno che ironizza e fa dello spirito su Gesù e sulla Sua Croce, proveniente da una pagina intitolata “Ridi ca**o!” o una cosa del genere…
E tutti la condividono “simpaticamente”, così, per ridere, con dei commenti del tipo: “Ahahah” oppure “Troppo forte”…. Ed io ancora mi chiedo che cavolo ci sarà mai da ridere su una cosa del genere, su una foto del genere, un disegno, una vignetta o che diavolo è….
Mah… 😦
Quando l’ho vista per la prima volta mi ha fatto rabbrividire…
Ma davvero la Croce di Cristo è così ridicola, davvero ci possiamo permettere di ironizzare su questo???
Davvero????
Ma cosa ne sappiamo noi davvero che cosa sia la Croce di Cristo? Che cosa rappresenta? Che cosa è stata? Quanto è costata?
Purtroppo, poi, queste cose vengono condivise da persone che sono di cultura cristiana, che hanno fatto la Cresima e, proprio per questo, dovrebbero testimoniare quel Cristo che su quella Croce è morto, è morto per noi, per ridarci la vita…
Mi fa una rabbia tutto questo, perché io penso: se sei cristiano, davanti a quella Croce devi solo inchinarti e meditare, percepire dentro la sua grandezza ed essere grato a quello strumento di morte che, grazie a Colui che vi è stato barbaramente appeso, è diventato strumento di vita… Se non sei cristiano, non dovrebbe proprio interessarti come simbolo, perché, se non sei cristiano, la Croce è uguale al palo della scopa, al battipanni, ad una scarpa vecchia… Che cosa ci sarà mai da ridere di fronte a questi oggetti?
Mah…
Mi piacerebbe tanto riflettere un po’ seriamente sulla Croce, sulla Croce di Cristo…
E’ proprio davanti ad un Crocifisso di legno che è avvenuta la mia conversione, che ho sentito Dio che parlava al mio cuore, è proprio davanti ad una Croce che ho ricominciato a vivere, a riprendere in mano la mia vita dopo il periodo più buio e difficile di tutta la mia esistenza e, da allora, ogni mia sofferenza, ogni mia difficoltà, ogni mia caduta ha senso solo grazie a quella Croce…
Io credo che queste persone non abbiano mai vissuto veramente la Croce, non abbiano mai dovuto portarne una, non abbiano mai verificato quanto essa possa essere pesante, dura, difficile, senza quel Cristo che ci è morto sopra, senza quel Cristo che si trasforma per te in Cireneo, aiutandoti a portare la tua di croce, senza quel Gesù che ci ha detto di andare dietro a Lui perché “il suo giogo è dolce e il suo carico leggero”…
Lo è? Lo è davvero????
Sì, lo è, solo se quella croce, la tua, la sorregge Lui; solo se tu Lo accogli dentro di te, per far sì che tutta la tua vita sia centrata in Lui, senza ridere di Lui, senza ridere della Sua morte, ma aprendoti a Lui che, a Sua volta, aprirà la tua mente, facendoti rendere conto che non tutto è lecito e che la massa, troppo spesso, tende al precipizio e noi, non per forza dobbiamo seguirla, ma dobbiamo distinguerci e “splendere come lampade” in “questa generazione tortuosa e perversa”…

Annunci

35 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. silvianovabellatrix
    Nov 14, 2011 @ 10:30:27

    Cara dolcissima, Fb ha molti vantaggi per le persone pulite ed intelligenti. Soprattutto quello di palesare tutta l’ignoranza e la pochezza di chi non lo è anche se si atteggia a tale. Se hai letto la mia bacheca verso la fine di ottobre ( a proposito di una mia considerazione circa Halloween), avrai visto cosa è stato scritto da un mio contatto , conosciuto di persona e ritenuto fino a poco fa una persona alternativa e rispettosa, circa le feste cristiane e la religione cattolica. Sai bene la mia posizione, ma il rispetto per chi pensa diversamente da me non deve mai mancare…MAI, altrimenti mi colloco su un piano assai più basso di chi si ritiene invece un illuminato. Quindi, ti capisco in pieno…e fai come me : ringrazia che Fb ti dà modo di capire la grevità di certe persone mascherata da disinvoltura ed apertura mentale e di dare loro la collocazione che meitano . Ti abbraccio, smack!

    Rispondi

    • Deborath
      Nov 14, 2011 @ 20:53:26

      O mio DDDDDDDDDio, Silvia, torno solo ora dalla tua bacheca di Fb, nella quale ho letto, con gli occhi di fuori ed il voltastomaco, la discussione di cui parlavi…
      Sai, me l’ero persa, ma Dio mio, quanta acredine nelle parole della tua amica e ti ringrazio per averle risposto, così come vorrei ringraziare il tuo amico Sergio che non conosco, per cui ti prego di farlo per me…
      Tu sai che io sono molto religiosa e sentir parlare in quei termini dell’Eucaristia mi ha fatto male… 😥 Come si può????
      Ma va beh, è inutile che allunghi ancora il brodo… 😦
      Però, non ti nascondo che queste cose, così come la stupida vignetta di cui parlavo qui, mi fanno un certo effetto, mi fanno rabbia e mi mettono anche una grande tristezza nel cuore…
      Non dovrei reagire così, dovrei solo tener presenti le parole del mio Signore sulla Sua Croce: “Padre, perdona loro perchè non sanno quello che fanno”…. e che dicono, aggiungerei io….
      Ti abbraccio Silvia, di cuore e grazie ancora per essere così come sei…
      A presto, spero… 🙂

      P. S. Come dicevo già da te, per il fatto che i miei aggiornamenti non ti arrivano più, dovresti provare a cancellare la tua sottoscrizione e rifarla: non si sa mai, magari si sblocca qualcosa…

      Baciiii… 🙂

      Rispondi

  2. ili6
    Nov 07, 2011 @ 21:15:27

    Forte e carico di Fede il tuo post.
    Comprendo il tuo dispiacere, la tua amarezza per la tanta stupidaggine e la superficialità che si notano in giro. E questo anche oltre il discorso prettamente religioso.
    Non ho visto la vignetta, non sono su fb e, sinceramente non mi interessa vederla. Anni fa regalammo ad un’amica che compiva quaranta anni una piccola croce in oro bianco con catenina, delicata e di stile moderno. Sai come finì? la cambiò , non so con cosa, ma la cambiò dicendo che le faceva senso indossarla perchè…vabbè, lasciamo perdere, non val la pena dire. Noi amiche abbiamo rispettato il suo pensiero, ma lei e tanti altri sono pregati di rispettare anche altri pensieri e non devono permettersi di ironizzare o di dire cretinate.
    Vedi? mi sto arrabbiando pure io….

    Rispondi

    • Deborath
      Nov 07, 2011 @ 21:36:04

      Ciao Marirò, capisco il tuo senso di “nervosismo”, per noi che la pensiamo in uncerto modo è inaccettabile vedere in giro un tale senso di disprezzo…
      Ma forse, sai, tante volte, magari, non è neanche quelo, tante volte è solo stupida superficialità…
      Di certo è triste lo stesso…
      La tua amica, poi, non è certo stata carina a cambiare il regalo, ma va beh, la gente è fatta a modo suo…
      Ti ringrazio di essere passata, mi fa sempre tanto piacere leggerti…
      A presto e buona settimana… 🙂

      Rispondi

  3. Rita
    Nov 07, 2011 @ 18:28:25

    Ciao Deborath. Ho letto attentamente il tuo post, i commenti e le relative repliche e posso dire che condivido tutto, tranne la tua rabbia che, forse, non ti porta a reagire. Su FB gli amici si selezionano ,e se chiamiamo “amici” quelli che hanno un nostro contatto, possiamo anche intervenire, se iniziano una discussione un po’
    “blasfema”. Non possiamo tirarci indietro; il nostro compito su questo social network deve essere simile a quello di un missionario. Con te, con Lucetta, Donatella, Angelo ed altri è bello parlare, confrontarsi, ma lì bisogna essere energici. In chat non ci sono mai, ma con un messaggio privato o con un punto interrogativo nello spazio “commento” tante volte chiedo spegazioni su ciò che questi “amici”, che ho selezionato, scrivono. Controllo soprattutto i ragazzi che vivono nella comunità parrocchiale e spesso quando li incontro spiego loro ciò che non mi è piaciuto. Essere cristiani è anche questo! Ti abbraccio.

    Rispondi

    • Deborath
      Nov 07, 2011 @ 19:18:49

      Hai ragione, Rita, forse avrei dovuto fare proprio così come tu hai detto…
      Lo avevo pensato anch’io, avrei voluto scrivere qualcosa, un commento, l’ho fatto e poi l’ho cancellato e non so neanche io perchè…
      Forse perchè, probabilmente mi conosco e so che quando reagisco a caldo straparlo sempre, finisco per esagerare, insomma…
      E così ho lasciato correre, condividendo poi questo link che, probabilmente non interessa a nessuno…
      Lo so, ho sbagliato e faccio mea culpa… 😦

      Rispondi

      • Rita
        Nov 07, 2011 @ 21:32:39

        Ci confrontiamo per questo Deborath…. non essere supercritica nei tuoi confronti. Occorre trovare le parole giuste con certe persone e mai aggredire e soprattutto occorre trovare forza nella preghiera …….l’altra sera alcuni discutevano del fatto che la chiesa ci chiede di aiutare i poveri mentre si veste d’oro….ne hanno scritte di cotte e di crude, qualcuno diceva addirittura che voleva farsi sbattezzare.
        Ho detto la mia chiedendo cosa lui facesse per i poveri; non ho ricevuto risposta, ma dopo di me qualche altra persona ha trovato la forza di controbattere…. Quante cose cattive si scrivono, ma non possiamo negare che circolano anche tanti buoni sentimenti….. Preghiamo così:
        http://girigalu.wordpress.com/2011/06/01/preghiera-per-chi-naviga-in-internet/
        Ciao, ti abbraccio!

        Rispondi

        • Deborath
          Nov 07, 2011 @ 21:47:48

          Sì, lo so, Rita, hai ragione e fai bene a comportarti in questo modo, dovrò farlo anch’io e spero di riuscirci…
          Effettivamente tanti parlano, parlano, parlano a vanvera, solo per spirito di critica e di contraddizione, ma poi fanno l’esatto contrario di ciò che dicono o fanno loro stessi le cose di cui accusano te, puntandoti il dito…
          Purtroppo ci tocca vivere in questo mondo e in questa situazione, speriamo di riuscire a contrapporci a questa gente…
          Un bacio, Rita, e grazie mille per i tuoi consigli… 🙂

          Rispondi

  4. Sergio Baldin
    Nov 07, 2011 @ 10:05:03

    Ciao carissima Debby, io in FB non ci sono e non ci ho mai voluto essere, sebbene più volte invitato e da persone con le quali val la pena di mantenere i contatti.
    Ecco che tu mi dai un altro esempio dei motivi per i quali ritenere un cortile di becere e stupide chiacchiere quell’ambito.
    Anche se non sono sicuro che, in questi casi, sia giusto starsene i disparte a lasciar spazio a persone vuote, che non hanno capito nulla della vita, sicuramente non hanno provato i momenti di dolore, esprimino in quella maniera la loro aridità interiore, da veri seguaci dei dissacratori dell’immagine della Madonna a Roma.
    Tutto quello che hai scritto è da condividere completamente, però, cara amica mia, mi rendo sempre più conto che siamo sempre più in minoranza, che il testimoniare la nostra fede diventerà sempre di più un percorso contro corrente, che in ciò sarà messa alla prova.
    Io dico anche che ci dobbiamo aspettare di peggio, qualcosa in questo senso l’ho già visto, è un mondo di ateismo imperante, che spesso si unisce al vuoto mentale, così da portare a questi deprecabili risultati.
    Le nostre convinzioni ed il nostro reciproco sostegno ed incoraggiamento, possano essere una forza in più per noi, per continuare ad essere testimoni credibili!
    Un grandissimo abbraccio, mia deliziosa amica, buona settimana!

    Rispondi

    • Deborath
      Nov 07, 2011 @ 13:01:54

      E già, Sergio, purtroppo, credo anch’io che si andrà sempre peggio di questo passo..
      Qualcuno dirà che sono sempre la solita pessimista, ma, in realtà, io credo solo di essere realista, di essere inserita in questo tempo e di avere gli occhi aperti per vedere, purtroppo… 😦
      Io non frequento tantissimo Fb, raramente condivido qualche link, ma i miei post li pubblico anche lì, non si sa mai che qualcuno li legga…
      Nel mio piccolo cerco di essere una testimone credibile, quanto io ci riesca, però, non lo so, a questo punto…
      Un abbraccio forte, amico mio, ed un sorriso che tanto ami… 🙂

      Rispondi

  5. Emilio
    Nov 06, 2011 @ 23:15:15

    E’ uno schifo davvero, io da Cristiano mi vergogno per loro, il guaio è che chi ride per queste cose non si rende neanche conto ciò che sta facendo…
    Ma su Fb ci sono cose davvero brutte, gruppi che incitano alla violenza, gente che prende in giro i disabili, e dulcis in fundo persone (io li chiamerei in un’altro modo…) che bestemmiano, gesù, dio, i santi e maria…. che mondo brutto quello in cui viviamo 😦

    Rispondi

    • Deborath
      Nov 07, 2011 @ 12:57:41

      Vero, vero, vero, Emilio, è proprio uno schifo…
      Pensa che l’altro giorno stavo cercando un’immagine ed ho digitato, ingenuamente, “Dio” su Google e non sai che cosa non mi è uscito di bestemmie assurde…
      Ero così imbarazzata, da sola, che non puoi avere idea…
      Mah…
      Che Dio ce la mandi buona e che abbia, soprattutto, pietà di noi… 😦

      Rispondi

  6. ross
    Nov 06, 2011 @ 19:07:33

    Ciao Deborath, quello che mi lascia perplessa, non è che dei cretini abbiamo pubblicato delle mostruosità come quelle, ma che glielo abbiano permesso. Ormai su internet si può pubblicare tutto e nessuno interviene, ci sono video e siti mostruosi(ne ho trovato per caso uno sulle bestemmie..) che non vengono oscurati, perchè? Boh? siamo proprio messi male!! Grazie per i tuoi consigli, dalle risposte ho capito quali sono le persone sulle quali contare! :–D
    Ti auguro una felice settimana
    Un abbraccio
    Ross

    Rispondi

    • Deborath
      Nov 07, 2011 @ 12:47:49

      Cara Ross, purtroppo hai ragione, si vedono e si leggono delle cose veramente scabrose, che offendono il decoro…
      Mah, si parla tanto di polizia postale, controlli vari, eppure il male continua a dilagare in tutti i livelli e in tutti i campi, purtroppo…
      A volte hai pure paura a cercare delle immagini che ti esce l’impossibile…
      Mah…
      Che possiamo fare?
      Sono contenta che tu sia passatae ti ringrazio…
      Un abbraccio e a presto… 🙂

      Rispondi

  7. Donatella
    Nov 06, 2011 @ 11:48:11

    Sono senza parole. Da vergognarsi è dire poco. Non capisco cosa stia succedendo intorno a noi…non lo capisco più. Anche se non si è credenti il rispetto dovrebbe essere scontato…invece c’è la volontà di insultare fine a sè stessa.
    Mi dispiace ma non riesco a dire altro…mi sembra tutto troppo assurdo…
    Ciao Debby, buona domenica…un abbraccio

    Rispondi

    • Deborath
      Nov 06, 2011 @ 16:28:33

      Ti capisco, Donatella, è tutto così assurdo che, troppe volte rimaniamo senza parole e non sappiamo cosa dire…
      Ti abbraccio forte forte e spero di poterti ritrovare in un post più allegro e divertente!!!!
      Ciao, cara, buona domenica anche a te… 🙂

      Rispondi

  8. Gabriele
    Nov 06, 2011 @ 09:01:40

    Ciao Deborath, mi spiace molto, davvero molto per questo atteggiamento e per la tua sofferenza.
    Come Lucetta, riprendo le stesse parole del Signore “Perdonali perchè non sanno quello che fanno”. Un mio caro amico e un grande. anche se giovane, Don, ha tanto insistito per farmi capire che le cose che facciamo, ad esempio la messa, ma anche la venerazione della croce, devono riempirsi di significato con la nostra esperienza. E’ la nostra vita che le va a riempire.
    Capisci chiaramente questo, quando parli di quello che rappresenta la Croce per te, perchè è tutta la tua vita di conversione! E il dolore che provi è collegato al fatto che chi ironizza su questo simbolo, ironizza indirettamente anche su di te e sulle tue scelte di vita. La loro vita ha qualcosa che da significato alla croce, per loro? L’uomo saggio, o se vuoi il Santo, comprende queste cose e perdona, imperturbabile, provando compassione per l’ignoranza e per il vuoto “di amore provato verso loro e da loro” di queste persone. Aver bisogno di deridere la croce per trovare divertimento ti dovrebbe suggerire il vuoto, il buio e la tristezza che questi tuoi fratelli hanno dentro.. la loro anima è addormentata, incatenata dal mondo e non possiamo neanche scaricare questa responsabilità su di loro.. chi ha dato loro l’insegnamento? Chi ha spiegato loro la Lieta Novella? Il giorno buio della crocefissione era spada nel cuore di Maria perchè lei SAPEVA del figlio.. era giorno di terribile disperazione per i discepoli, la cui vita era stata illuminata dal Signore, era giorno di terremoto e oscurità per il mondo perchè il mondo sapeva che veniva inchiodato alla croce il figlio diletto del Dio vivente.. ma gli altri che non sapevano vedevano solo un predicatore forse un pò matto che era stato crocefisso, o un attentatore all’equilibrio politico del Sinedrio, o un ribelle.
    L’ignoranza non possiamo combatterla con l’ira o con il dolore.. dobbiamo combatterla con l’esempio e l’amore. Ricorda le parole del Signore: “Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città collocata sopra un monte, né si accende una lucerna per metterla sotto il moggio, ma sopra il lucerniere perché faccia luce a tutti quelli che sono nella casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al vostro Padre che è nei cieli. ”
    Se noi agiamo con l’amore, la comunione, la compassione che ci insegna il nostro Maestro, allora loro stessi quando vedranno la tua pace, il tuo amore, la tua gioia saranno incuriositi e chiederanno: come puoi fare questo, essere così felice e buona? E tu potrai rispondere: “mia forza e mio canto è il Signore!” e capiranno allora cosa può significare la croce, e, ancora di più, cosa significa il suo insegnamento. In questo modo “renderanno gloria al vostro padre che è nei cieli”.

    Rispondi

    • Deborath
      Nov 06, 2011 @ 16:26:28

      Carissimo Gabriele, grazie di cuore per queste tue parole, grazie per i tuoi consigli…
      E’ vero, con l’ira, la rabbia, il rancore, non si risolve nulla, ci vuole l’esempio…
      Sai, io ci provo a vivere la mia vita in maniera limpida e trasparente anche se, a volte, cado anch’io, però mi rialzo con l’aiuto di Dio…
      Cerco sempre di rapportarmi ai giovani, di stare in mezzo a loro, dip ortare la mia testimonianza…
      Cerco cerco cerco…
      Lo faccio, nella speranza che, prima o poi, anche loro si risveglino dal loro torpore, possano fare la loro personale esperienza di Cristo e possano decidere, nel loro cuore, di seguirlo, sempre!!!!
      GRazie ancora infinitamente, sono felice di averti qui…
      Buona domenica… 🙂

      Rispondi

  9. angelonocent
    Nov 06, 2011 @ 04:13:35

    SI PUO’ IRONIZZARE…?

    Certo che si può: lo hanno fatto per primi i nostri padri, vuoi che non si verifichi ora?

    Gesù era già stato crocifisso ed elevato da terra. Agonizzava ma era ancora lucido. Quasi non bastasse , Gli è stato somministrato uno spudorato supplemento di pena con parole forcaiole:

    “40 «Tu che distruggi il tempio e lo ricostruisci in tre giorni, salva te stesso! Se tu sei Figlio di Dio, scendi dalla croce!».
    41 Anche i sommi sacerdoti con gli scribi e gli anziani lo schernivano:
    42 «Ha salvato gli altri, non può salvare se stesso. È il re d’Israele, scenda ora dalla croce e gli crederemo.
    43 Ha confidato in Dio; lo liberi lui ora, se gli vuol bene. Ha detto infatti: Sono Figlio di Dio!». (Matteo 27,40-43).

    Paolo cos’ha scritto ai Cristiani di Corinto? Quello che direbbe anche a noi:

    ” 18La morte di Cristo in croce, che noi predichiamo, sembra una pazzia a quelli che vanno verso la perdizione; ma per noi, che veniamo salvati da Dio, è la potenza di Dio.
    19 La Bibbia dice infatti:
    Distruggerò la sapienza dei sapienti
    e squalificherò l’intelligenza degli intelligenti.

    20Infatti, che cosa hanno ora da dire i sapienti, gli studiosi, gli esperti in dibattiti culturali? Dio ha ridotto a pazzia la sapienza di questo mondo. 21Gli uomini, con tutto il loro sapere, non sono stati capaci di conoscere Dio e la sua sapienza. Perciò Dio ha deciso di salvare quelli che credono, mediante questo annunzio di salvezza che sembra una pazzia.
    22 Gli Ebrei infatti vorrebbero miracoli, e i non Ebrei si fidano solo della ragione.
    23Noi invece annunziamo Cristo crocifisso, e per gli Ebrei questo messaggio è offensivo, mentre per gli altri è assurdo.
    24Ma per quelli che Dio ha chiamati, siano essi Ebrei o no, Cristo è potenza e sapienza di Dio.
    25Perché la pazzia di Dio è più sapiente della sapienza degli uomini, e la debolezza di Dio è più forte della forza degli uomini.

    26Guardate tra voi, fratelli. Chi sono quelli che Dio ha chiamati? Vi sono forse tra voi, dal punto di vista umano, molti sapienti o molti potenti o molti personaggi importanti? No!
    27Dio ha scelto quelli che gli uomini considerano ignoranti, per coprire di vergogna i sapienti; ha scelto quelli che gli uomini considerano deboli, per distruggere quelli che si credono forti.
    28Dio ha scelto quelli che, nel mondo, non hanno importanza e sono disprezzati o considerati come se non esistessero, per distruggere quelli che pensano di valere qualcosa.”(1 Cor.1).

    Ma la stoltezza di coloro che non sanno quello che dicono o fanno – nonostante il catechismo e la Cresima – più che a parole indignate, va affrontata e smontata con la vita. E qui siamo tutti carenti:

    “Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù,
    il quale, pur essendo di natura divina,
    non considerò un tesoro geloso
    la sua uguaglianza con Dio;
    ma spogliò se stesso,
    assumendo la condizione di servo
    e divenendo simile agli uomini;
    apparso in forma umana,
    umiliò se stesso
    facendosi obbediente fino alla morte
    e alla morte di croce.
    (Fil 2,5-8)

    Ecco il resoconto di un episodio emblematico tratto dal Vangelo di Marco e presente anche in Matteo e Luca:

    “E cominciò a insegnar loro che il Figlio dell’uomo doveva molto soffrire, ed essere riprovato dagli anziani, dai sommi sacerdoti e dagli scribi, poi venire ucciso e, dopo tre giorni, risuscitare. Gesù faceva questo discorso apertamente.

    Allora Pietro lo prese in disparte, e si mise a rimproverarlo. Ma egli, voltatosi e guardando i discepoli, rimproverò Pietro e gli disse: “Lungi da me, satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini”.

    Convocata la folla insieme ai suoi discepoli, disse loro: “Se qualcuno vuol venire dietro di me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del vangelo, la salverà.
    Che giova infatti all’uomo guadagnare il mondo intero, se poi perde la propria anima?
    E che cosa potrebbe mai dare un uomo in cambio della propria anima?

    Chi si vergognerà di me e delle mie parole davanti a questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo con gli angeli santi”.
    (Mc 8,27-38)

    Rispondi

    • Deborath
      Nov 06, 2011 @ 16:11:57

      Beh, Angelo, deduco che tu sia d’accordo con me, a parte il fatto che io mi incavolo da morire e tu no, sei molto più assennato rispetto a me… 😉
      Hai confermato la mia tesi e risposto alle mie domande, come sempre servendoti della Sacra Scrittura, che posso pretendere di più…
      Grazie di esserci…
      Ti voglio bene… 🙂
      Baci…

      Rispondi

  10. marymaya
    Nov 06, 2011 @ 01:30:52

    rispondo al tup post pubblicando un video che guardavo oggi mentre ero sul pulman che mi portava a Roma.
    lo guardavo perchè mi sentivo agitata e quella canzone riesce a calmarmi…..ne ho trovato uno con delle immagini stupende.

    Rispondi

    • Deborath
      Nov 06, 2011 @ 16:09:05

      Grazie mille, Mary, questo canto è meraviglioso e mi emoziona tantissimo…
      Hai ragione, le immagini di questo video sono davvero stupende…
      Il viaggio è andato bene???
      Un bacio e a presto… 🙂

      Rispondi

  11. fabiana
    Nov 05, 2011 @ 22:49:41

    Io non sono iscritta a FB, nonostante gli inviti per ora preferisco così.
    Non so qual è la vignetta, ma mi rattrista lo stesso.
    Volevo dirtelo.
    C’è qualcuno che dice che un uomo in ginocchio lo fa ridere che è l’immagine più ridicola che ha visto.
    Io invece, la trovo la più grande!
    Un abbraccio

    Rispondi

    • lucetta
      Nov 05, 2011 @ 23:55:08

      Anch’io Fabiana ritengo che un uomo in ginocchio dimostri grandezza d’animo, fede ed abbandono al Suo Creatore.Ciao e buona domenica

      Rispondi

    • Deborath
      Nov 06, 2011 @ 15:29:34

      Ciao Fabiana, già, è molto triste….
      Sono d’accordo anch’io con te e con Lucetta riguardo alla grandezza di un uomo in ginocchio, ma, purtroppo, non siamo tutti uguali a questo mondo…
      Ti abbraccio forte forte…

      Rispondi

  12. lucetta
    Nov 05, 2011 @ 22:10:21

    Avrei cliccato più e più volte like se si potesse fare. Grazie, grazie, grazie per ogni parola scritta nel post e nelle risposte ad Ele . Una testimonianza la tua forte, chiara, decisa.Non sono iscritta a Fb (e mai mi convinceranno a farlo) per cui non ho visto la vignetta di cui parli. Com-patisco chi si permette di ironizzare e scherzare sulla CROCE e quelli che approvano con i soliti commenti insulsi….dico solo che entrambi “NON SANNO QUELLO CHE FANNO” non se ne rendono conto perchè appunto non hanno fatto esperienza di Dio, non l’hanno incontrato e quel che è peggio non lo desiderano.Mi spiace per loro e non possiamo fare altro che pregare e sperare….Un abbraccio

    Rispondi

    • Deborath
      Nov 05, 2011 @ 22:33:45

      Oh, Lucetta mia, grazie mille a te, per tutto: per la tua amicizia, per la tua presenza qui, per la tua fede, per il sostegno che mi dai sempre, per la tua comprensione nei miei momenti no…
      E’ vero, la mia testimonianza è chiara e forte!!!
      Io uso Fb per altri scopi da quelli comuni, forse sbaglio anche in quello, però credo che come ci sono coloro che lo usano per denigrare Cristo e parlare male della nostra religione, così ci debbano essere coloro che la difendono ed io, ovviamente, ho pubblicato anche questo post su quella piattaforma…
      Probabilmente non lo leggerà nessuno, passeranno oltre, senza neppure aprire il link, ma a me non importa!!!!
      Quel che conta è che io ho detto la mia in difesa di ciò in cui credo…
      Comunque quello che succede tra i giovani è spaventoso!!!
      Nessun rispetto per niente e per nessuno, tanto meno per il nostro Creatore, e, sinceramente, non so neanche come Lo considerino, che cosa pensino di Lui…
      Certo che arrivare a pubblicare qualcosa del genere è davvero tremendo, oltre ad essere terribilmente triste…
      Hai ragione tu, dobbiamo pregare per loro, perchè davvero “non sanno quello che fanno”… 😦
      Ti abbracccio forte forte e ti auguro una serena notte… ♥

      Rispondi

  13. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Nov 05, 2011 @ 19:43:55

    Per alcune persone è difficile apprezzare la croce di Cristo, alcuni si definiscono cristiani senza sapere cosa sono o cosa vuol dire…
    Carissima biondina… Dio ama anche queste persone, arrabbiandoci non risolviamo nulla… noi dobbiamo far capire l’errore a queste persone…
    Non ho visto questa pagina e sinceramente non voglio vederla…
    Io amo Dio e l’ho accettato nella mia vita, so che Lui mi ama e mi ha fatta una sua figliuola… ma, potrò negare questo… lo ringrazio infinitamente…
    perchè mi ha resa una donna migliore, perchè mi ha portata a sè, perchè Lui per me c’è sempre e in qualunque momento so a chi rivolgermi, perchè so che Lui mi ascolta sempre e comunque… perchè anche quando sbaglio Lui amorevolmente mi riprende e mi fa capire il mio errore…
    Gesù è morto su quella croce per lavare i peccati del mondo… ma, di quelli che veramente l’accettano e decidono di amarLO per il resto della loro vita.
    Gesù è morto ed è risorto per il peccatori…
    Sta anoi accerttarLo o rifiutarLO… sta a noi capire la Parola di Dio e farla nostra…
    sta a noi essere annunciatrici del vangelo e del suo amore…
    oltre a questo noi possiamo pregare per queste persone…

    Gesù Cristo ama questo mondo…
    accettandoLo avremo la vita eterna… rifiutandoLo saremo condannati per l’eternità…
    Dio è amore…

    Rispondi

    • Deborath
      Nov 05, 2011 @ 19:49:44

      Hai ragione, Ele, lo so che non risolvo nulla arrabbiandomi, così come so che potremo parlare all’infinito di Cristo, ma se le persone non lo incontrano personalmente non capiranno mai ciò che noi stiamo dicendo: ci riterranno sempre dei folli, dei visionari, dei frustrati, degli allucinati e via dicendo…
      L’incontro con Dio ti cambia la vita, ti porta a vivere diversamente, a leggere la storia in maniera diversa, a vedere le cose sotto un’altra luce…
      Io auguro davvero a tutte le persone di questo mondo di poter incontrare Cristo nella loro vita, sul loro cammino, così come i discepoli di Emmaus…
      Grazie di essere passata…
      Un bacio

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: