Il carnevale ieri e oggi

Premetto che il carnevale, dalle mie zone, non è mai stato sentito particolarmente, niente carri, niente manifestazioni particolari, è sempre stato, principalmente, una festa per bambini, che si travestono nelle maniere più disparate…
Ricordo che quando io ero bambina, per quei giorni, puntualmente, avevo la febbre e mentre i miei compagni andavano a scuola a festeggiare vestiti di tutto punto, io li guardavo passare dalla finsestra della camera dei miei genitori, ma vestita anch’io da principessa!!!!

Solo una cosa negativa ricordo di quell’epoca: il mio immenso terrore per le maschere di plastica, quelle che ti coprono interamente il capo, non lasciando fuori neppure una ciocca di capelli…
Io, non so perchè, ma quando avevo 4 o 5 anni ero spaventatissima, piangevo a dirotto e mi rifugiavo nelle braccia del mio papà che, con immenso amore, cercava, invano, di farmi capire che sotto quel “mostro”, c’era in realtà un volto amico… E non mi calmavo neppure dopo aver svelato l’arcano…
Ahahah… I misteri dell’inconscio: chissà cosa mi passava per la mente allora e che cos’era che mi terrorizzava il quel modo…

Poi c’era una cosa curiosa per la quale io e mio fratello impazzivamo: le sere del periodo di carnevale si usava travestirsi nelle maniere più strane o andare in giro in 4 o 5 sotto una grande coperta, facendo il giro per le abitazioni del paese e bisognava indovinare i nomi delle persone nascoste sotto le maschere e le coperte…

Quando sentivamo bussare alla porta noi due, bambini, eravamo assolutamente in visibilio: iniziavamo a saltare come i pazzi e, tutti felici, andavamo di corsa ad aprire la porta per farli entrare ed iniziare questo gioco per noi fantastico…
Dopo aver indovinato tutti i nomi e svelato tutte le loro identità, ecco subito fare, insieme a loro, una bella scorpacciata di biscotti…
Era bellissimo: ricordo quei momenti con grande gioia, ma anche tanta, tantissima nostalgia…
Oggi sarebbe impensabile poter realizzare ancora quel “gioco”: come sono cambiati in tempi nello spazio di soli 20 anni!!!
Oggi chi si fiderebbe più a mettersi gente in casa, nascosta da maschere o da coperte, senza sapere nè chi siano, nè quanti siano, nè che intenzioni abbiano???
Che bella l’innocenza di una volta, che bella la grande libertà di una volta: libertà di gioire e fare festa senza il terrore di poter essere assalito, derubato, picchiato, ucciso…
Annunci

12 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Deborath
    Feb 14, 2010 @ 09:25:35

    Bravissima Luna!!!!E\’ perfettamente questo quello che intendevo io….Allora da te c\’erano un pò le usanze come quelle del mio paese…Che cosa carina!!!!!!!Mia mamma, invece delle caramelle, offriva i biscotti, ma per il resto mi sa che era tutto uguale!!!!Ahhhhhhhh, che bello!!!!!

    Rispondi

  2. ELLE DI LUNA
    Feb 14, 2010 @ 00:02:38

    Anch\’io da bambina giravo mascherata x le strade del paese e bussavo alle porte delle case, la gente si divertiva a indovinare ki eravamo e poi ci dava le caramelle: altro ke halloween! Anzi, qnd i bambini il 31 ottobre bussano alla mia porta mascherati, gli rispondo: tornate a carnevale e avrete le caramelle! Buonanotte.

    Rispondi

  3. Deborath
    Feb 11, 2010 @ 16:45:13

    Che cosa carina…E\’ bello sapere le varie usanze che ci sono in giro…Un bacio, Roberta e grazie per il tuo contributo ed il tuo racconto della "sepolta viva per la barretta"…Ahahah…

    Rispondi

  4. Roberta
    Feb 11, 2010 @ 15:10:42

    Ho letto per bene… erano belle queste vecchie usanze, sono cose che, viste dagli occhi di un bambino, appaiono magiche e suscitano sensazioni così belle da essere ricordate per tutta la vita….da noi invece c\’è sempre stato il carnevale coi carri allegorici, sfilate di gruppi mascherati e soprattutto il LANCIO DI DOLCIUMI dai carri con tutta la gente ammassata per raccogliere 1 CARAMELLA!!!! Questa usanza piace molto (pare) e attira molte persone anche dalle zone limitrofe… anche dall\’Umbria e dalla Romagna… io personalmente l\’ultima volta che ho provato a prendere una barretta di cioccolata e mi sono ritrovata sotterrata da 20 persone, ho fatto un mega-crocione sul carnevale…. Però devo dire che i carristi fanesi sono abbastanza bravi, moltissimi anni fa mi è capitato di vedere il Carnevale di Viareggio e devo dire hanno un bellissimo Viale dove sfilano, tanta gente, ma i carri di Viareggio….. che delusione!!!! Enormi ma bruttiiiiiii….Modestamente i nostri a Fano sono più piccoli ma molto più curati e coi colori più vivaci…..http://www.carnevaledifano.com/gallery.htmlciao****

    Rispondi

  5. Deborath
    Feb 11, 2010 @ 11:17:35

    Ok, allora aspettiamo con ansia di vedere le maschere in giro nella tua zona…Un bacio, bella!!!

    Rispondi

  6. Roberta
    Feb 11, 2010 @ 11:08:17

    a me invece questo post era sfuggito…. non l\’ho visto negli aggiornamentima me lo leggo stasera con calma e vi mostrerò qualcosa del Carnevale di Fanoche invece è molto sentito dalla nostra città ed anche abbastanza famosostasera vi cerco il sito per farvelo vedere….ciao****

    Rispondi

  7. Deborath
    Feb 11, 2010 @ 11:01:53

    Ciao Rebecca, grazie di essere passata e benvenuta!!!!Neanche io ho mai festeggiato questa festa in maniera particolare, ma mi piaceva condividere con voi questo mo ricordo da bambina.:)Torna pure quando vuoi…Buona giornata!

    Rispondi

  8. Rebecca
    Feb 11, 2010 @ 10:17:34

    Ciao Deborath,per prima buona giornata e grazie per il apprezzamento della nostra taverna in fatti era un lavoraggio ma ora e diventato un gioiello, il carnevale e una usanza che già da bambina non mi piaceva, credo per il fatto di essere un giorno qualcuno che poi nella vita reale non potrei mai essere.. già questo pensiero mi rende triste.. ma trovo bello vedere i cortei del carnevale e i bambini vestiti da fate, principesse, indiani ecc questa atmosfera ha qualcosa magico anche osservando mi rendo conto il carnevale perde in qualche maniera il fascino ai confronti di alcune anni fa.. forse perche io non ho mai festeggiato questa festa con passione… Pif

    Rispondi

  9. Deborath
    Feb 11, 2010 @ 10:05:07

    A parte questo, sì, ovviamente, da bambini si è più ingenui, ma il carnevale era una festa per tutti e la porta la aprivamo io e mio fratello, ma in casa c\’erano anche i miei…Il fatto è che credo che siano proprio cambiati i tempi, l\’educazione della gente, il modo di comportarsi e le intenzioni, tutto qui…Oggi, magari apri la porta per offrire un caffè e ti ritrovi derubato di tutto, se ti va bene…Capisci???Io credo che oggi sia il mondo intero ad essere diventato più cattivo e poco raccomandabile, purtroppo, e l\’innocenza, la sincerità e l\’ingenuità di una volta mi mancano e so che non tornaranno mai più…Baci Kathe, spero di essere riuscita a spiegarti cosa intendevo…

    Rispondi

  10. kathe
    Feb 11, 2010 @ 03:59:50

    da bambini si è ingenui… forse questo intendi????

    Rispondi

  11. Deborath
    Feb 08, 2010 @ 13:37:23

    Io capisco quello che vuoi dire tu, Kathe, è vero, i tuoi genitori sono sempre "gli stessi meridionali di un tempo", ma cambiando il luogo in cui si trovano, cambia anche il loro atteggiamento; io, invece sono sempre la stessa di un tempo ed il luogo in cui vivo è sempre lo stesso, l\’unica cosa che è cambiata è l\’intento delle persone, che non riesci più a capire se è buono o cattivo…Ma ora sfocerei in un discorso troppo lungo…Grazie per i tuoi interventi, mi fa sempre molto piacere quando passi di qui…Ti abbraccio forte

    Rispondi

  12. kathe
    Feb 08, 2010 @ 12:38:40

    mai sentita come usanza… ammetto. Devo dire che i modi di fare, la mancanza di fiducia che si ha verso il mondo… non è cambiata solo nel tempo che passa…. Ma personalmente penso cambi molto anche da zona a zona d\’italia. A seconda di quanto quella zona ti dia insicurezza credo.. Ti faccio un esempio… i mesi che faccio al Sud… nel paese dei miei, li vivo come fossi in un universo parallelo…gente bussa alla porta (che non è MAI chiusa durante il giorno), e chiunque ESSO sia viene fatto entrare… e ospitato… se sei seduto a pranzo.. quell\’"INTRUSO" viene fatto diventare ospite… e si siede al tavolo con noi… QUI…. AL NORD… nonostante la mentalità sia sempre la stessa… i miei genitori sempre gli stessi meridionali di un tempo… se qualcuno citofona all\’ora di pranzo parte una lamentela unica.. "CHI DISTURBA A QUEST\’ORA?????" e figurati se fai entrare un estraneo in casa!!!!! CHI LO CONOSCE????? sarà che questo non è un paesino…. e che qui si ha piu paura del prossimo. Che succedono cose impensabili e orrende tanto da barricarsi in casa???? Non lo so… sò che il mondo si richiude su se stesso… e ne nord ne sud si salveranno… ognuno con i suoi tempi… ma siamo desintati a rinchiuderci.. PER PAURA… bah… che ci possiamo fare????

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: