Influenza delle persone sul corso della vita…

 
So che può sembrare totalmente assurdo, ma a volte, analizzando quanto accade nella mia vita o in quella delle persone a me care, delle mie amiche, mi assale un pensiero che mi getta nell’angoscia più profonda e mi spaventa, facendomi venire un’ansia tremenda: mi chiedo se sia possibile che determinate persone incrociate sul nostro cammino e che non ci hanno voluto bene, per non dire che sono arrivate ad odiarci, ad invidiarci, anche nelle disgrazie, possano ancora influire negativamente nelle nostre vite anche se non le vediamo più e non sappiamo più nulla di loro da un sacco di anni…
Mi chiedo come sia possibile avere questa sensazione e mi chiedo se veramente il male sia così potente anche a distanza di anni, di chilometri…
Mi spaventa tutto ciò e mi fa sentire così impotente; è vero che san Paolo dice: “quando sono debole è allora che sono forte”, ma come si può vivere così in questo mondo che sento che non ci appartiene? Come si può convivere con questi dubbi? Come si può sopravvivere senza venir sopraffatti da tutta la cattiveria che c’è in giro?
Come si può lottare in questa fossa dei leoni senza venir sbranati? Come si fa a sopportare tutte le paure, le sofferenze nostre e delle persone a noi care?
Forse ho in me la risposta a queste domande o forse, a volte, la fede non è così forte come dovrebbe essere, per arrivare a capire che tutto questo ci serve per diventare migliori e per rivolgere altrove il nostro sguardo, per abbandonarci a Colui che può tutto, perchè in Lui e con Lui vinceremo tutte le cose e le tribolazioni di questo mondo…
Non so, quello che so è che ho dentro una grande tristezza…
Annunci

11 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Apr 03, 2012 @ 18:15:19

    bò… non lo so 😀
    anzi, lo so… ma non voglio dirlo 😀
    oggi…. è una giornata del cappero… allora,
    vado a farmi 2 ore di tapis.. dopo una doccina bollente….cosi mi rilasso…….

    Rispondi

    • Deborath
      Apr 03, 2012 @ 21:40:47

      Perchè è una giornata del cappero?
      Che ti succede????
      Certo che per fare 2 ore di tapis ne hai da scaricare, eh????
      Avresti anche potuto fare un post grrrrrrr, ti saresti sentita meglio dopo, fidati, te lo dice un’esperta!!!!! 😀

      Rispondi

  2. sergiobaldin
    Apr 01, 2011 @ 08:14:30

    Ciao Debby, anche questo momento buio sarà passato ed ora potrai farci sopra un bel sorriso!
    Però se sei così vulnerabile al male che altri ti possono volere, ti potrà accadere ancora di sentirti così smarrita, fragile ed impotente.
    Non vedo del tutto qui la Debby che sto imparando a conoscere, ragazza, meglio donna, resa solida da convinzioni profonde, forgiata d aesperienze forti nella vita e penso solo a quella della perdita del babbo.
    Faccio fatica a darti suggerimenti, forse perchè sono abituato ad essere abbastanza impermeabile al male che potrebbero farmi, che poi non mi capita così tanto di constatare.
    Forse il problema è tutto qua, destituire di importanza atteggiamenti e comportamenti che offendono e fanno male, non vederli nemmeno, come l’arbitro che in campo spesso fa finta di non sentire qualche insolenza rivoltagli, per non dovver prendere provvedimenti drastici.
    Impegnati di più nel bene che fai come antidoto al male che potresti ricevere, in modo che questo ti ferisca di meno.
    In fin dei conti l’essere inseriti in un contesto nel quale possiamo operare secondo le nostre predisposizioni e ricevere tante gratificazioni, ci espone anche alla verifica dei punti scoperti della nostra armatura.
    Se poi riusciamo a renderli immuni anche loro un pò alla volta, riusciremo a non aver più timore di nulla, anche perchè dentro c’è sempre quella forza che ci da una marcia in più!
    Un abbraccione anche per questo mia sorridentissima amica!

    Rispondi

    • Deborath
      Apr 01, 2011 @ 14:47:41

      Sai, Sergio, non è facile lottare in questa vita e contro delle forze così avverse… Certo, Cristo ha vinto su tutto, ma ciascuno di noi deve combattere la sua battglia: non si può essere saldi, forti e invincibili su tutto, lo si può diventare, forse, strada facendo, ma io ancora non sono a quel punto del mio cammino…
      Lotto lotto lotto e cerco di impegnarmi sempre a fare il bene, molte volte, sbagliando e cadendo, rialzandomi, tante volte, a fatica e con le ginocchia sbucciate e tanti dolori cerco di avanzare per la mia strada…
      Riuscirò a scalare la mia montagna?
      Spero di sì, nonostante tutto il male, l’invidia e la cattiveria che spesso ho intorno, che avverto e dai quali, a volte, non riesco a difendermi ed accuso il colpo… 😦

      Rispondi

  3. Deborath
    Set 19, 2009 @ 13:06:05

    Nel mio caso non credo che c\’entri molto il perdono, è proprio questione che, secondo me, l\’invidia ha il potere di cambiare in peggio le cose della tua vita ed è per questo che, forse, è il caso di tenere più lontano possibile determinate persone, tagliando ogni ponte con loro e sperando che la loro cattiveria non continui, anche in seguito, a rovinare la tua esistenza.

    Rispondi

  4. Annamaria
    Set 19, 2009 @ 11:53:15

    A volte la cattiveria è così forte che riesce a demolire ogni barriera. Molto spesso non dipende da noi, non siamo noi che permettiamo agli altri di farci del male, ma la loro cattiveria è più forte delle nostre difese.Sicuramente dobbiamo lottare per impedire alla cattiveria umana di raggiungere la nostra parte più intima e sono sempre convinta che nessuno ha il diritto di far male a qualcun altro! Dobbiamo rafforzarci per impedire al male di ferirci. Il rischio che si corre, però, è quello di indurire il cuore e non permettere a niente e a nessuno di intrare in contatto con noi anche a chi si avvicina a noi con… buone intenzioni! :)Credo che se la maggior parte degli psicologi concordano con i cristiani e parlano di perdono, ci sarà un motivo!L\’unico antidoto al male è il bene, il perdono: non permette al male di distuggerti e allo stesso tempo ti lascia il cuore aperto e pulito!Se penso alla mia esperienza diretta, mi sembra assurdo pensare di perdonare o voler bene alle persone che mi hanno ferita, eppure so che è quella l\’unica strada da percorrere, l\’unica che mi può portare alla serenità!

    Rispondi

  5. Deborath
    Set 12, 2009 @ 09:21:32

    Forse la mia piccola Miky ha ragione: e qui viene fuori la saggezza pura e semplice dei ragazzi… Meno male che ci siete voi e riuscite a tirarmi su nei momenti bui… Poi, specialmente con te… mi basta guardarti in faccia e vedere la luce che hai negli occhi ed il tuo sorriso furbetto per recuperare un pò di serenità perduta.Ti voglio bene! E grazie di essere passata.

    Rispondi

  6. michela
    Set 11, 2009 @ 22:38:12

    mmmmmmmmm;( quelsto testo fa riflettere però secondo me no! perchè si ci sono le persone cattive ma fortunatamente anche quelle che ti volgiono davvero bene e ti fanno capire che la vita nn è totalmente fatta di cose brutte:) quindi su con la vita:)

    Rispondi

  7. Deborath
    Set 11, 2009 @ 13:39:42

    Grazie per le tue parole, sono sempre molto azzeccate…Ma a volte continuo a pensare che delle persone mi abbiano voluto così tanto male e che il loro atteggiamento verso di me possa, in qualche modo, condizionare la mia vita… So che mi hai scritto che nessuno può farti sentire infelice se non glielo consenti, ma a volte credo che non si tratti di infelicità, ma proprio di cose che vanno storte e non tendono mai a prendere la piega giusta…Non so neanch\’io come spiegare quello che intendo dire…Boh… Non lo so… Non ho parole…

    Rispondi

  8. Paola
    Set 11, 2009 @ 09:41:27

    Diementicavo……Forse Dio vuole che tu conosca molte persone sbagliate prima di conoscere la persona giusta, in modo che, quando finalmente la conoscerai, tu sappia essere grato. (G. G. Marquez) 🙂

    Rispondi

  9. Paola
    Set 11, 2009 @ 09:34:52

    Leggendo queste tue parole mi sono balenati in mente questi due aforismi…te li lascio, spero possano servire:1. Quando sono sopraffatto dalle preoccupazioni, ripenso a un uomo che, sul suo letto di morte, disse che tutta la sua vita era stata piena di preoccupazioni, la maggior parte delle quali per cose che mai accaddero. (Winston Churchill)2. Nessuno può farti sentire infelice se tu non glielo consenti. (Franklin Delano Roosevelt)P.S. Sono bellissime le paole di San Paolo: "quando sono debole è allora che sono forte"…….è proprio terribilmente e magnificamente vero.BUONA GIORNATA Deborath……e su con la vita…..oggi, se sei triste, regalati tempo per viverti qualcosa di bello, qualcosa che ti rasserena….anche una semplice passeggiata, un libro……io ieri ero un pò come te…..ho passeggiato, letto, mi sono regalata un pò di tempo in libreria e libro……e dopo un pò tutto il buio è sparito, perchè ricorda……"Nessuno può farti sentire infelice se tu non glielo consenti."

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: